Firenze 04.07.2013 - Al tavolo dell’Unità di crisi per la Teckna Impianti Srl di Signa, convocato per monitorare l’accordo raggiunto lo scorso 24 aprile, l'azienda ha comunicato che la criticità relativa al mancato pagamento degli stipendi è stata superata.

La direzione aziendale ha informato poi i presenti che l’attività operante nel settore della centralizzazione di sistemi per la sicurezza e per il telecontrollo e la telegestione di impianti termici e di condizionamento, è stata acquisita dalla D.G. Mar Investement della Repubblica Ceca.

"Dopo la chiusura della partita legata agli stipendi, si apre ora una fase di confronto con il nuovo soggetto a cui chiederemo investimenti ed impegni concreti per il rilancio della storica azienda di Signa. Esprimiamo comunque soddisfazione per il mantenimento degli impegni presi dalla dirigenza fino ad oggi" ha detto Yuri Campofiloni della Fiom di Firenze che prosegue "Come Fiom ed RSU chiediamo che la nuova proprietà partecipi al prossimo incontro con l'Unità di Crisi”.

Accolta la richiesta, il nuovo appuntamento è già stato fissato per l'11 luglio.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico