Dal 43% al 48% dei voti espressi tra gli operai, dal 27% al 37% tra gli impiegati, tra cui torniamo ad essere il primo Sindacato, con un risultato complessivo che sale dal 41% del 2010 al 46% di oggi.

 

“Un risultato ottimo – ha sottolineato Mauro Faticanti, responsabile nazionale del settore delle due ruote per la FIOM CGIL Nazionale – che premia il lavoro della FIOM CGIL. In queste elezioni c'è chi ha vinto, chi ha tenuto, chi ha perso, chi è scomparso. Siamo stati noi a vincere. Dobbiamo ringraziare, innanzitutto, i lavoratori, non soltanto per la fiducia che ci hanno dimostrato, ma anche per l'alta affluenza alle urne, che segnala la voglia di esprimersi nell'arena democratica. Adesso bisogna rispettare i risultati del voto: si applichi l'accordo del 31 Maggio sulla rappresentanza per la formazione della RSU, oppure, in subordine, si applichi la prassi sempre tenuta in Piaggio sul riparto dell'1/3 previsto nell'accordo interconfederale del 1993. Siamo pronti a tutelare i lavoratori in ogni forma prevista dalla legge, anche in considerazione della recente sentenza della Corte Costituzionale che ha stabilito, in base all'articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori, che non può esserci un legame diretto tra la firma dei contratti e la rappresentanza”.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico