Calenzano, 14/11/2013 – Si sono incontrate oggi, presso la sede della Pierburg Pump Technology di Calenzano (ex MO.FO.PRESS) i vertici italiani della multinazionale, le RSU e le OO.SS., che avevano richiesto l'incontro per essere informate relativamente alla vendita del ramo d'azienda attualmente in affitto a Pierburg dal fallimento MO.FO.PRESS. fino al 30/12/2013.

 

Manifestazione davanti alla MOFOPRESSL'azienda ha comunicato l'esito negativo della trattativa che coinvolgeva una cordata di cinque imprenditori italiani, nonostante l'impegno dell'uscente Pierburg a garantire carichi di lavoro importanti, evento che crea preoccupazione per il futuro dei 57 lavoratori impiegati a Calenzano.

Hanno così commentato Vigiani (FIOM CGIL) e Zacchei (FIM CISL): “È una situazione, a questo punto, davvero complicata visto che il 30 Dicembre scadranno gli obblighi di Pierburg Pump Technology nei confronti della curatela del Fallimento e ci ritroveremo con più di 50 dipendenti a casa.
È una doccia fredda, perchè questa trattativa sembrava non solo ben avviata ma vicina ad una positiva conclusione: purtroppo,come già capitato,l'interesse manifestato per la fonderia da molti non si è mai concretizzata in investimenti reali.
Capiamo la crisi del settore,ma non è pensabile rischiare di perdere un patrimonio di conoscenze e professionalità così importante per il nostro territorio. Faremo tutto il possibile per aiutare i lavoratori,a cominciare dall'attivazione un tavolo di crisi con le Istituzioni: speriamo ancora una volta che facciano la loro parte e ci aiutino a trovare soluzioni alternative ed investitori seri che valorizzino il patrimonio di competenze e serietà dimostrato sempre e comunque dai lavoratori e le lavoratrici dell'azienda di Calenzano".

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico