Firenze, 12.03.2014 - ATAF non adempie agli accordi firmati con Tecnobus SpA, l'azienda che ha in appalto la fornitura e a manutenzione dei bussino elettrici e che annuncia la cessazione dell'attività con il conseguente licenziamento dei lavoratori.

ataf

ATAF Gestioni S.r.l. formalizza l'intenzione di sciogliere il contratto e Tecnobus, di conseguenza, dichiara oggi di ricorrere al licenziamento collettivo ed alla messa in mobilità di tutti i lavoratori.

A questo si aggiungono i progressivi aumenti nel ritardo dei pagamenti da parte di ATAF Gestioni S.r.l., debitrice di circa 250 mila euro, e di ATAC S.p.A., l'Agenzia del trasporto autoferrotranviario del Comune di Roma che hanno indotto Tecnobus a manifestare l'intenzione di chiudere, oltre alla sede di Firenze, anche quelle di Roma, Frosinone e Napoli. 

Nel 1994 Firenze era stata un delle prime città ad investire nei minibus urbani a trazione elettrica non inquinanti ma oggi sembra intenzionata disfarsene.

Dei 31 bus elettrici che fino al 2009 coprivano le tre linee del centro storico, C1 C2 e C3, ad oggi, ne sono rimasti solo 12 sulla tratta C2, lasciando il posto sulla C1 e C3 a piccoli autobus a gas metano o a gasolio, questi ultimi altamente inquinanti.

Inoltre, dei 26 minibus elettrici banditi nella gara d'appalto dell'agosto 2012, dall'allora società di trasporto pubblico fiorentina, solo 7 sono stati poi ufficializzati nella richiesta di fornitura, nonostante Tecnobus avesse pure concesso ad ATAF di dilazionare il pagamento dei veicoli su 9 anni.

Già un anno e mezzo fa, a seguito della privatizzazione di ATAF e della conseguente ristrutturazione del servizio, erano state licenziate 5 persone alle quali si aggiungono ora le 3 impiegate presso il deposito ATAF di Viale dei Mille, svuotando così del tutto il servizio di assistenza elettrica, meccanica e di sostituzione in linea svolto da Tecnobus.

"Non riscuotiamo da tre mesi" lamenta Edoardo Imperiale, dipendente di Tecnobus "Chiediamo ad ATAF di sbloccare i pagamenti per evitare i licenziamenti. Da quando la società è stata privatizzata, cioè, dal 1° settembre 2012, ha fatto marcia indietro sui bus elettrici perché costano troppo e cerca di eliminarli per diminuire i costi con vetture a gasolio, a discapito dell'ambiente e della salute dei cittadini. E pensare che per monitorare il tasso di inquinamento dei quartieri del centro, l'Università di Firenze aveva scelto di posizionare proprio sui nostri bussini elettrici 2 rilevatori di polveri sottili." 

"Non si può dare impulso al settore dei bus elettrici e poi abbandonarli. Chiediamo che anche il Comune di Firenze intervenga poiché l'ente pubblico per primo aveva speso ingenti somme (circa 1 milione e 800 mila euro) per il deposito Aleardi realizzato appositamente per ospitare i veicoli a consumo zero; deposito inaugurato nel giugno 2010 dall'attuale Sindaco, Dario Nardella, che lo definì allora "il fiore all’occhiello del trasporto urbano fiorentino", poi chiuso il 1 settembre 2012 perché troppo caro e lasciato in stato di abbandono." denuncia Massimo Galantini della Fiom Cgil di Firenze

"La chiusura di Tecnobus e lo smantellamento dei veicoli elettrici rappresenterebbe un grave passo indietro che colpirebbe non solo i lavoratori che pur non essendo pagati e sapendo che verranno licenziati, continuano a svolgere le loro mansioni, con l´obiettivo di portare avanti il servizio e garantire il corretto funzionamento delle linee elettriche, ma anche gli abitanti del centro ed i fruitori del servizio."

“Verificheremo che la Tecnobus abbia rispettato le disposizioni della direttiva in materia di licenziamenti collettivi e metteremo in campo ogni azione possibile per salvaguardare i posti di lavoro a rischio.“

Ci giunge notizia che la Vicepresidente del Parlamento europeo, Roberta Angelilli, ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea in merito all’annuncio da parte di Tecnobus SpA di ricorrere al licenziamento collettivo e messa in mobilità di tutti i lavoratori, chiudendo le sedi di Roma, Frosinone, Firenze e Napoli, chiediamo ai politici del nostro territorio di attivarsi e di fare altrettanto e all'Amministrazione pubblica di intervenire per mantenere l'occupazione ed il servizio dei bus elettrici per il centro di Firenze“. 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico