InfoCamere, società che assicura la realizzazione, la gestione e lo sviluppo delle applicazioni informatiche necessarie al funzionamento del sistema camerale italiano, conta più di 600 dipendenti in tutta Italia. In Toscana è presente con due sedi (Firenze e Pisa) e 10 dipendenti. La decisione dell'azienda di chiudere i due stabilimenti toscani nell'ottica di riduzione dei costi e quindi non subordinata ad una situazione di debito o crisi aziendale, ha fatto emergere la necessità da parte di Fiom Cgil Firenze di coinvolgere le istituzione per ricercare, insieme all'azienda, soluzioni condivise dalle parti.

Le proposte avanzate da Fiom Cgil, come ad esempio riunire in una sede unica le due attuali sedi oppure far lavorare le persone attraverso il telelavoro (come del resto già accade a Padova), hanno però trovato una chiusura totale da parte dell'azienda, che, nell'incontro tenutosi questa mattina in Provincia, ha ribadito l'intenzione di aprire una procedura di mobilità per cessazione di unità produttiva oppure, come soluzione alternativa, il trasferimento dei lavoratori nella sede operativa di Padova.

Moreno Razzolini per la Fiom Cgil di Firenze commenta: “Per poter continuare a svolgere il loro lavoro, i dipendenti si dovrebbero trasferire a Padova; ci troviamo di fronte a un ricatto, in quanto non è stata data dall'azienda nessuna vera alternativa!”.

Domani pomeriggio si terrà un'assemblea con i lavoratori, in cui verrà riportato quanto emerso dall'incontro di oggi, mentre un nuovo confronto con l'azienda avrà luogo il 24 settembre.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico