Firenze, 22.12.2014 - Durante l'ultimo incontro tenutosi al tavolo dell'Unità di crisi presso la Provincia, la proprietà della Teckna Impianti, azienda di Campi Bisenzio con 35 addetti, ha richiesto ai lavoratori l'impegno a riprendere l'attività lavorativa da lunedì 22 dicembre per garantire il servizio per le commesse in essere, per il recupero di commesse in parte perse e per la ricerca di nuovi clienti. 

I lavoratori, come già in passato, si sono resi disponibili ad adoperarsi al fine di salvaguardare l'azienda e la sua attività aspettando che l'azienda al tempo stesso rispetti gli impegni presi con le istituzioni in merito al piano di rientro dei 5 stipendi arretrati, a partire dalla prima scadenza il 5 gennaio 2015 arrivando al saldo di tutte le spettanze sospese entro il 28 febbraio.

Stefano Angelini della Segreteria della Fiom-Cgil Firenze commenta: “Sottolineiamo il fatto che i lavoratori e le loro famiglie dopo svariati mesi che non percepiscono retribuzione sono in sofferenza dal punto di vista economico e sarebbe drammatico un ulteriore slittamento del pagamento degli stipendi. Chiediamo pertanto alla proprietà il rispetto degli impegni presi.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico