Era stata firmata nell'ottobre scorso la piattaforma migliorativa delle condizioni di lavoro alla CSO di Scandicci, azienda specializzata in costruzione di macchinari di alto livello per oftalmica che conta oltre 170 dipendenti, che ora vede concretizzarsi una parte di quanto rettificato.

Nell'incontro programmatico di dicembre infatti, sono stati resi attuativi alcuni dei punti previsti dall'accordo integrativo aziendale 2014 - 2017.

Da gennaio passano di livello 6 dipendenti e da giugno il passaggio scatterà anche per un settimo lavoratore. Vi è inoltre la proroga dei contratti interinali che interessano 3 lavoratori e per quanto riguarda la sicurezza negli ambienti di lavoro, sarà realizzato un locale spogliatoio con relativi servizi ed una parte di esso sarà destinata alla creazione di un'infermeria.

La sala mensa viene resa agibile ad uso saletta RSU, corredata dall'utilizzo di un ripostiglio quale magazzino che sarà dotato di scaffalature, una stampante ed una chiavetta internet ad uso gratuito ed esclusivo delle RSU.

Viene infine riconosciuta l'agibilità sindacale di delegati tecnici aggiuntivi, uno per macro-reparto, volti a coadiuvare il lavoro delle RSU.

"Siamo soddisfatti per l'attuazione di questi primi punti che tra le altre cose segnano il pieno riconoscimento dell'importante attività svolta dalle RSU. Continueremo a lavorare per portare avanti anche gli altri" è il commento di Yuri Campofiloni della Fiom Cgil di Firenze.

Nei prossimi mesi si terranno nuovi incontri con la direzione, utili al confronto su ulteriori questioni come il Premio di Risultato.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico