Firenze, 23.01.2015 - Si è da poco concluso l'ultimo atto dell'udienza preliminare davanti al Giudice del Tribunale di Firenze che vede i vertici aziendali della ex Isi di Scandicci come imputati e la Fiom Firenze e la Fiom Nazionale come parti civili.

Il giudice, dopo essersi riunito in camera di consiglio per quasi 3 ore, ha emesso il giudizio accogliendo la richiesta di patteggiamento avanzata dai legali del principale imputato, Fojanesi.

Il Fojanesi quindi è stato condannato a 3 anni e 2 mesi di carcere, al sequestro conservativo sui beni già sottoposti a sequestro cautelare ma senza nessun obbligo di risarcimento del danno a favore dei lavoratori. 

Gli altri 5 imputati sono invece stati rinviati a giudizio nell'ambito del processo penale che inizierà il 6 ottobre.

All'udienza erano presenti una parte dei lavoratori, che hanno appreso con rabbia del patteggiamento, mentre vi è soddisfazione per il rinvio a giudizio per gli altri imputati.

Il Segretario Generale della Fiom-Cgil Firenze Daniele Calosi commenta: “Come Fiom Firenze, rispettiamo la sentenza ma la riteniamo assolutamente incongrua rispetto alla responsabilità del soggetto chiamato in giudizio e sottolineiamo come, per l'ennesima volta nella vicenda ex Isi, siano i lavoratori a subirne le conseguenze maggiori, visto che la sentenza non ha determinato nessuna forma di risarcimento nei loro confronti”. 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico