Firenze, 20.02.2015 - La Mac 3, azienda di Campi Bisenzio leader mondiale nella progettazione e produzione di accessori per il controllo di livello e per l’automazione di stazioni di pompaggio è uscita dalla crisi.

A fine mese terminerà l'anno di Contratto di Solidarietà che ha permesso di salvaguardare il reparto ricerca e sviluppo, e dopo una sostanziosa riduzione del ricorso al lavoro straordinario, l'azienda è riuscita a stabilizzare due lavoratori.

Ha così commentato Massimo Galantini, della FIOM CGIL: “in tempi in cui aziende come la FIAT ricorrono al lavoro straordinario lasciando a casa lavoratori in ammortizzatore sociale, la scelta di un'azienda come la Mac 3, realizzata di concerto con le organizzazioni sindacali, di ridurre il ricorso a lavoro straordinario per stabilizzare due lavoratori è una boccata di ossigeno, così come la decisione di tutelare il reparto ricerca e sviluppo, vero e proprio motore per il futuro dell'azienda, invece che ricorrere ad una riduzione dell'organico.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico