Prato, 04.03.2015 – È passata con il voto unanime dei lavoratori, lo scorso lunedì, la piattaforma rivendicativa per il contratto di secondo livello alla Signorini Ulivelli Srl di Prato, la società nata da poco dalla fusione di due aziende metalmeccaniche, la Ulivelli di Sesto Fiorentino, produttrice di accessori metallici per pelletteria e abbigliamento e la Pietro Signorini e Figli, specializzata in rubinetterie classiche e di design per bagno e cucina e che impega oggi circa 80 dipendenti. 

La piattaforma integrativa prevede il riconoscimento di numerosi punti innovativi e qualificanti quali la flessibilità in ingresso, l'attivazione del servizio mensa aziendale e di un'assistenza sanitaria integrativa, l'istituzione del Premio di Risultato, la stabilizzazione dei contratti precari attualmente in essere e l'impiego esclusivo, da ora in avanti, di due tipologie contrattuali: il contratto a tempo determinato ed indeterminato, ed il mantenimento integrale anche per i nuovi assunti dell'articolo 18.

Alessandro Fini della Fiom Cgil di Firenze ha così commentato: “Rispetto agli impegni già attuati con il conferimento delle due società nella nuova azienda dal primo di gennaio, il voto unanime espresso lunedì dai lavoratori non solo ci rende orgogliosi, ma sottolinea che la strada intrapresa è quella giusta e ci spinge a proseguire l'azione sindacale con ancor più determinazione. La fiducia riposta nel nostro operato ci dà mandato infatti di portare avanti con più forza le richieste presenti nella piattaforma.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico