Firenze, 16.03.2015 - RSU, Fim e Fiom incontrano la Viceprefetto Rosa Franco: “Ricerca & Sviluppo a rischio, i softwaristi olandesi non compensano le conoscenze italiane. Necessario convocare nuovo tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico.”

Per esprimere la situazione di difficoltà nella quale versano i lavoratori Esaote e per sollecitare la convocazione al Ministero dello Sviluppo Economico, questa mattina alle 10, i componenti della RSU, accompagnati da rappresentanti di Fim e Fiom, hanno incontrato la Vice capo di Gabinetto della Prefettura di Firenze, Rosa Franca, mentre i colleghi sono rimasti in Presidio sotto la sede della Prefettura.

La delegazione ha fatto presente alla Viceprefetto che softwaristi giunti a Firenze dalla sede olandese di Esaote due settimane fa, al fine di imparare il lavoro svolto dai colleghi e portarlo avanti, si sono arresi perchè non in grado di gestire il codice sviluppato dai progettisti italiani.

Ciò dimostra che la contrarietà più volte esplicitata dai sindacati in merito al trasferimento della Ricerca & Sviluppo ha ragioni fondate poichè le competenze che Esaote ha perso con l'uscita dal reparto di 17 lavoratori su 22 non sono così facili da rimpiazzare come invece più volte l'azienda ha cercato di far credere.

Le preoccupazioni dei lavoratori sono poi amplificate dai mancati investimenti previsti dal piano industriale di Esaote che dovevano riguardare l’ampliamento del reparto sonde, la creazione del polo logistico e del centro di formazione. Investimenti che, secondo l'azienda, per Firenze dovrebbero compensare la perdita di competenze e di personale e riportare così i livelli occupazionali a 232 unità.

La Vice capo di Gabinetto, comprendendo le difficoltà, si è fatta carico di esporre la situazione al Prefetto ed insieme ad esso di avviare una richiesta congiunta al Governo ed alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per segnalare la situazione e far sì che possa esser convocato con urgenza un nuovo tavolo in sede ministeriale a cui poter ribadire la richiesta di ricostituzione del reparto Ricerca & Sviluppo a Firenze.

Fim-Cisl e Fiom-Cgil Firenze

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico