Lo scorso 25 settembre si è svolto presso la sede di Firenze Bassilichi l'incontro tra l’Azienda, le RSU ed il Coordinamento Nazionale Fim-Cisl e Fiom-Cgil per l’illustrazione del Piano Industriale 2015-2018, recentemente approvato dal Cda.

In sintesi il Piano Industriale vede l'azienda confermare e garantire per tutto il periodo 2015-2018 il mantenimento occupazionale, ribadendo la necessità di ottimizzare i costi.

Durante l'esposizione sono poi state individuate filiali strategiche (Firenze, Padova, Milano, Roma, Lecce, Palermo) e filiali non strategiche (Siena, Pisa, Bologna, Mantova, Sassari, Torino, Cagliari).

L’Amministratore Delegato ha messo in evidenza che la nuova mission aziendale del business del Gruppo sarà focalizzata sui Payments e Servizi di Business.

Gli investimenti che si andranno a realizzare saranno di 20 milioni di euro annui.

L’Azienda ha ricordato le difficoltà attraversate dal 2012 a causa delle crisi nel mondo bancario e ha ribadito che il periodo di transizione che va dal 2013 al 2016, sarà caratterizzato da un’attenzione ai conti economici e dall’avvio di nuove attività che diano solidità all'impresa.

Infine un nuovo stile manageriale è condizione imprescindibile per la realizzazione di quanto previsto dal Piano. 

Moreno Razzolini della Fiom Cgil di Firenze ha così commentato: “come Coordinamento Fiom esprimiamo un giudizio positivo sull’occupazione e sugli investimenti previsti, ma terremo la massima attenzione rispetto ai temi dell'efficientamento, in particolar modo quando questi potrebbero andare ad impattare negativamente sui lavoratori.

Per questo motivo, insieme alle RSU abbiamo chiesto ed ottenuto un incontro urgente, richiamando l’Azienda a sospendere qualsiasi attività riconducibile a questo argomento per provare a condividere un percorso che possa permettere la realizzazione del Piano Industriale senza impatti negativi sui dipendenti. 

Infine, in riferimento al Premio di Risultato che, secondo gli indici previsti dall'impianto, avrebbe raggiunto solo la cifra di € 135 lordi, come organizzazioni sindacali assieme alle RSU abbiamo chiesto ed ottenuto un riconoscimento per l'impegno profuso in questo anno dai lavoratori.

L'importo erogato sarà quindi di € 400 lordi con la busta paga del mese di Settembre 2015.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico