13.10.2015 - Oggi nel l'incontro fra coordinamento nazionale Fim-Fiom-Uilm di KME l'azienda ha comunicato la cessazione della produzione di rame nel sito di Fornaci di Barga (Lu) a partire dai primi mesi del 2016 e contemporaneamente ha annunciato un reinsediamento produttivo dentro lo stesso sito al fine di rioccupare tutti i lavoratori.

Il coordinamento esprime innanzitutto la propria contrarietà per quanto riguarda la perdita di un sito industriale importante come quello di Fornaci di Barga, allo stesso tempo esprime cautela sul progetto di rideversificazione così come illustrato che, seppur elemento positivo, ha bisogno di essere valutato e verificato con attenzione riguardo la sua fattibilità, dentro una trattativa che si dovrà aprire immediatamente anche con il coinvolgimento dei soggetti istituzionali atti a garantire e monitorare l'esito positivo di un eventuale accordo. 

Sono state calendarizzate altre date per il proseguo della trattativa tesa al raggiungimento di un accordo complessivo che, a partire dalla diversificazione del sito di Fornaci, affronti il tema del ruolo del centro direzionale di  Firenze, delle officine Lime così come il futuro dello stabilimento di Serravalle Scrivia che rimane dentro il perimetro produttivo della lavorazione del rame e che deve essere coerente con la sua salvaguardia produttiva.

Domani si terranno le prime assemblee informative in sciopero per la durata di una ora e mezza nello stabilimento di Fornaci di Barga. 

Seguiranno assemblee anche negli altri siti.

Il coordinamento si riserva eventuali ulteriori momenti di mobilitazione.

 

Il coordinamento Fim-Fiom-Uilm di KME

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico