La legge di stabilità presentata dal governo non ci piace. È la stessa logica dei provvedimenti che hanno peggiorato e reso più precarie e insicure le condizioni dei lavoratori, dal Jobs act, alla «buona scuola» allo «sblocca Italia».

Le misure proposte perseverano sulla strada dell'ingiustizia sociale, non mettono in atto reali misure per lo sviluppo, la ripresa degli investimenti, la crescita dell'occupazione stabile, la lotta alla povertà e alle disuguaglianze sociali, non combattono l'evasione fiscale e la corruzione – anzi le assecondano – e producono un’ulteriore riduzione alla spesa pubblica a partire dai tagli alla sanità, inoltre fanno pagare un ulteriore prezzo al Mezzogiorno che non compare nemmeno tra i titoli.

Contro questa politica economica e sociale bisogna mobilitarsi per rivendicare scelte diverse e proposte che si affiancano alle nostre rivendicazioni contenute nella piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dei metalmeccanici.

Il 21 novembre la Fiom scende in piazza a Roma, insieme alle associazioni, ai movimenti e alle persone che in questi anni si sono battuti, e vogliono continuare a farlo, per contrastare le politiche di austerità europee, affermare i princìpi della nostra Costituzione e le conseguenti scelte dei diversi governi del nostro Paese, ponendosi l’obiettivo di riunificare tutto il mondo del lavoro e affermare un nuovo modello ambientale, sociale ed economico, solidale e democratico. Insieme per avviare una mobilitazione vasta che, in coerenza con le lotte dello scorso autunno, coinvolga tutte le categorie del mondo del lavoro e tutta la Cgil.

Il governo non sta ascoltando il Paese ma solo i poteri economici e finanziari più forti.

Non fermiamoci. È il momento di unire e dare voce e rappresentanza al mondo del lavoro, reale maggioranza del nostro paese. Vogliamo il diritto a un lavoro dignitoso e onesto, una politica industriale pubblica e affermare il ruolo e il valore del Contratto nazionale di lavoro, della giustizia sociale e della democrazia partecipata.

Contro:

• LA «BUONA SCUOLA»;

• LA LEGGE DI STABILITÀ;

• IL JOBS ACT CHE HA RESO PIÙ FACILI I LICENZIAMENTI;

• LO SBLOCCA ITALIA;

• LA POLITICA DELLA DISEGUAGLIANZA.  

Vieni a Roma con noi sabato 21 novembre!

Pullman in partenza alle 6.30 da

  • Sesto Fiorentino, Ipercoop
  • Firenze Sud, Obihall
  • Empoli, Camera del Lavoro (Centro Commerciale)

con sosta a

  • Incisa, pressi casello autostrada
  • Scandicci, pressi casello autostrada

Concentramento in Piazza Esedra ore 9.30

Partenza del corteo ore 10.00

Comizio in Piazza del Popolo ore 12.00

Ripartenza ore 15.00

Se interessato scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiama lo 055 2700521!

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

 



iMec giornale metalmeccanico