Firenze, 10.12.2015 – Arrivano i primi effetti positivi di alcuni punti previsti dall'accordo di secondo livello sottoscritto in Laika Caravans lo scorso 21 ottobre.

L'accordo prevedeva infatti oltre a miglioramenti retributivi, welfare aziendale, inquadramento, un premio di risultato con parametri più facilmente raggiungibili, un piano progressivo di stabilizzazioni di lavoratori precari entro settembre 2016, anche la composizione di varie commissioni.

Tra queste oltre la commissione inquadramento e la commissione ambiente e sicurezza vi è quella sull'organizzazione del lavoro che, analizzando gli aspetti produttivi e i piani di crescita, ha determinato l'inizio di una trattativa con l'azienda che in meno di un mese ha prodotto un nuovo accordo sulle stabilizzazioni.

Modificando quello precedente, il nuovo testo anticipa e migliora le condizioni per 31 lavoratori che già operano in Laika come somministrati (interinali) o con contratto a tempo determinato, ma saranno presto assunti a tempo indeterminato.

 Per Alessandro Fini della Fiom Cgil di Firenze “Questo accordo è una grande conquista per i lavoratori e dimostra il fatto che l'azione sindacale deve essere incessante e sul merito delle questioni.

Il risultato raggiunto in questi giorni è la riprova che quando vi è un confronto serio tra le parti è possibile giungere a soluzioni che coniugano le esigenze dei lavoratori con quelle dell'azienda.”

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico