Firenze, 20.01.2016 – Dovranno insinuarsi nuovamente in una seconda procedura i lavoratori coinvolti dal fallimento della Reha-Istituto Tecnico Ortopedico di Empoli, azienda che operava nel settore dei servizi di manutenzione e gestione degli ausili ortopedici e dovranno, loro malgrado, farsi carico di nuove spese.

Era luglio del 2014 quando la Reha-Ito, con all'attivo un centinaio di dipendenti, di cui circa la metà ad Empoli, presentò al Tribunale di Firenze la richiesta di ammissione al concordato in bianco. A ottobre il Tribunale la respinse e il 5 novembre fu dichiarato il fallimento.

“Come Fiom – ricorda Iuri Campofiloni – ci adoperammo da subito per mettere in sicurezza i lavaratori ed il 10 dicembre presso il Mnistero del Lavoro firmammo l'accordo per l'avvio della cassa integrazione straordinaria per coloro che operavano nel settore metalmeccaico e la cassa integrazione straordinaria in deroga per gli apprendisti e per gli addetti del settore del commercio.

Oltre a questo, per non far morire un'azienda che aveva commesse all'attivo da onorare, chiedemmo e riuscimmo ad ottenere dal Tribunale l'esercizio provvisorio dell'impresa.

La possibilità di continuazione dell'attività è risultata utile non solo per avere accesso agli ammortizzatori sociali ma anche e soprattutto per trovare un acquirente. A metà febbraio infatti la Home Care Solutions di Cascina acquisì in affitto per sette anni l'attivita e parte dei lavoratori, con accordo sindacale finalizzato alla piena occupazione nell'arco di durata dell'ammortizzatore e compatibilmente con gli appalti acquisiti.”

Lo scorso 31 agosto la Corte d'Appello di Firenze ha emesso sentenza di annullamento del fallimento effettivo a far data dal primo di ottobre. Ciò ha riportato la Reha-Ito nuovamente alla condizione di presentazione di concordato, ma non essendovi più le condizioni presenti a luglio 2014, questo ha determinato un secondo fallimento.

Con esso è venuta meno anche la possibilità, sancita dall'accordo sindacale, di prorogare per ulteriori sei mesi la cassa integrazione straordinaria poiché ad ottobre mancavano gli organi della procedura, essendo stata revocata e avendo di fatto bloccato la ripartizione del credito nei confronti dei lavoratori.

“Ad oggi - prosegue Campofiloni - non non essendo stata concessa la prosecuzio cioè la continuazione con la vecchia procedura, i lavoratori dovranno reinsinuarsi nel nuovo fallimento e questo comporta loro oltre all'impossibilità di proroga dell'ammortizzatore anche un ulteriore allungamento dei tempi e il carico dei costi necessari a sostenere la nuova procedura.

Non entriamo nel merito del procedimento ma riteniamo inaccettabile che siano i lavoratori, la parte più debole, a doverci rimettere.

Il 7 marzo la documentazione dovrà essere presentata in Cancelleria. Come Fiom Cgil chiediamo quanto prima alla nuova procedura un incontro per fare il punto rispetto ai tempi di prosecuzione.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico