Figline Valdarno, 23.03.2016 - Riportiamo di seguito il testo del comunicato sindacale redatto per portare a conoscenza di tutti i lavoratori Bekaert iscritti alla Fiom Cgil, la posizione con cui l'organizzazione si presenterà all'incontro richiesto assieme a Fim e Uilm, alla direzione aziendale.

"La Fiom di Firenze, unitamente alla Rsu Fiom Bekaert, ritiene indispensabile incontrare l'azienda per discutere rispetto alla gestione dei contenuti sottoscritti con l'accordo del 9 dicembre 2015. Riteniamo infatti che l'azienda non li rispetti per quanto riguarda le ore di cassa integrazione a carico della diretta, che con l'uscita dei lavoratori prevista dall'accordo nella diretta stessa, doveva garantire il mantenimento dei volumi previsti per il 2016 senza più la necessità di ricorrere all'ammortizzatore sociale.

Consideriamo dunque la richiesta dell'azienda di coinvolgere tutti i lavoratori un'inutile forzatura che non corrisponde alle esigenze reali dei volumi produttivi proprio per ammissione dell'azienda stessa; eventuali chiusure collettive metterebbero quindi a rischio i volumi per il 2016, tanto più che sono già calendarizzate due chiusure collettive per agosto e dicembre.

In ragione di ciò per la Fiom non sussistono le ragioni della richiesta aziendale circa ulteriori chiusure collettive.

Riteniamo inoltre che l'azienda debba tenere costantemente aggiornata la Rsu circa lo stato di avanzamento dell'applicazione dell'accordo del 9 dicembre, informandola sul numero delle uscite, sul numero dei lavoratori sospesi in cigs a zero ore, sulle isopensioni, sull'outplacement e su tutti gli altri punti sottoscritti.

Questa la posizione della Fiom all'incontro che abbiamo richiesto.

Precisiamo infine che faremo presenti le criticità dell'accordo anche il 6 aprile, quando è convocato l'incontro in Regione Toscana alla presenza di istituzioni e azienda.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

 

page1image14568

 

 



iMec giornale metalmeccanico