Firenze, 21.11.2016 - Il contratto nazionale di lavoro e la Costituzione della Repubblica Italiana sono patrimoni di dignità e di salvaguardia di regole e di diritti, per questo la Fiom-Cgil si mobilita per la riconquista del contratto del settore e per la difesa della Carta Costituzionale.

In vista del referendum del prossimo 4 dicembre l'attivo territoriale dei metalmeccanici della Valdelsa che riunisce iscritti sia dell'industria che dell'artigianato, sarà occasionalmente aperto a tutti coloro che vorranno ascoltare le ragioni dei lavoratori contro la riforma.

L'attivo servirà anche a fare il punto sull'andamento della trattativa in corso e ribadire la necessità di un contratto che tuteli il potere d'acquisto, qualifichi e rilanci le relazioni industriali, sia sul piano nazionale che territoriale, che migliori le condizioni di lavoro, tuteli tutte le forme di impiego e l’occupazione, faccia ripartire gli investimenti e promuova una nuova politica industriale.

Introduce i lavori Stefano Angelini della segreteria della Fiom Cgil di Firenze

Conlude Daniele Calosi, Segretario Generale Fiom Cgil Firenze

L'appuntamento è fissato per mercoledì 23 novembre dalle 15.00 alle 18.00 presso il Circolo Ricreativo Culturale “I praticelli” di Castelfiorentino (Via Bustichini, 9).

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

 



iMec giornale metalmeccanico