Pontassieve, 28.12.2016 – Insieme agli auguri la lettera di licenziamento. È successo alla Belfiore S.a.s. delle Sieci (Pontassieve) alla vigilia di Natale quando i sette dipendenti, durante il tradizionale scambio di auguri in vista della chiusura per le festività, si sono visti consegnare assieme al pacco natalizio la lettera di licenziamento con decorrenza 29 dicembre per cessazione di attività.

“Avevamo incontrato la proprietà un paio di settimane fa per discutere delle prospettive future - spiega Iuri Campofiloni della Fiom Cgil di Firenze - ci avevano assicurato l'impegno a proseguire l'attività, tanto che i dipendenti stavano lavorando alla campionatura per il 2017.

La Belfiore è una fabbrica storica di argenteria e oreficeria, fondata a Firenze nel 1948, successivamente trasferita alle Sieci. Da allora grazie alla professionalità delle sue maestranze ha iniziato a realizzare prima articoli decorativi e poi accessori moda anche per marchi prestigiosi, che oggi esporta in tutto il mondo.

“Stupisce anche – prosegue Campofiloni – che l'attività negli ultimi anni non ha accusato particolari difficoltà se non quelle riconducibili alla crisi del settore orafo argentiero, non ha attivato alcun ammortizzatore ed è stata puntuale col pagamento degli stipendi.

Come Fiom ci siamo attivati da subito: ieri abbiamo riunito i lavoratori in assemblea presso la Camera del Lavoro di Pontassieve, dato l'impossibile accesso ai locali aziendali. Insieme abbiamo deciso di informare l'Amministrazione Comunale per sollecitare l'intervento delle istituzioni e domani alle 13.00 incontreremo il Sindaco di Pontassieve Monica Marini che si è prontamente resa disponibile.

Non è la prima volta che ci troviamo davanti ad un'azienda che chiude ma questo modo di agire è inaccettabile e profondamente scorretto. Dopo un dicembre passato a lavorare intensamente per portare a termine le consegne, la proprietà ha comunicato all'improvviso ai lavoratori che durante le ferie saranno licenziati e lo ha fatto con la stessa leggerezza con cui ha consegnato loro panettone e spumante. Con stupore, sdegno e rabbia denunciamo questi modi, lesivi della dignità umana e faremo tutto il possibile per tutelare i lavoratori e le loro famiglie.”

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico