Firenze, 01.02.2018 - “Quando si parla di crisi della rappresentanza è opportuno fare dei distinguo. Le preoccupazioni delle forze politiche riguardo al calo dell'affluenza non sono le nostre e i dati lo confermano: i metalmeccanici fiorentini che hanno scelto di essere rappresentati dalla Fiom sono l'80,27% dei lavoratori” lo ha detto il Segretario Generale della Fiom Cgil di Firenze, Daniele Calosi, commentando i dati sulla rappresentanza per la prima volta certificati presso l'Ispettorato del Lavoro.

A seguito della Direttiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26 settembre 2014 in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale, che ha definito le modalità di calcolo dei risultati elettorali nelle aziende ai fini della loro rilevazione e certificazione alla luce dell'accordo sottoscritto da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil il 10 gennaio 2014, si è riunito anche a Firenze il Comitato Provinciale dei Garanti.

Il Comitato, composto dal Direttore dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, dalle organizzazioni sindacali e Confindustria, ha certificato che nelle aziende della provincia che applicano il contratto nazionale dell'industria metalmeccanica, da agosto 2014 a dicembre 2017 sono in carica 110 Rappresentanze Sindcali Unitarie. Le RSU sono composte da 351 delegati e di questi 303, pari all'86,32% del totale, sono eletti dalla Fiom Cgil.

Degli 8882 lavoratori aventi diritto al voto, hanno partecipato alla scelta dei propri rappresentanti in 6829, il 76,89% degli aventi diritto.

“Ricordo – precisa Calosi - che nelle elezioni delle RSU hanno diritto al voto non solo gli iscritti al sindacato, ma tutti i lavoratori e sono valide solo se vi partecipa almeno il 50% più uno di questi; il risultato ottenuto dalla Fiom indica quindi un mandato forte in termini di rappresentanza, una legittimazione democratica data da un rapporto diretto coi lavoratori.”

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico