Firenze, 22.03.2018 – Con un consenso quasi unanime ieri i lavoratori dell'Alstom Ferroviaria di Firenze hanno votato a favore dell'ipotesi di accordo sul contratto integrativo aziendale, siglata venerdì scorso a Milano da sindacati e azienda.

Sui 136 voti espressi i sì sono stati 128, pari al 94%.

Dopo più di 10 mesi di trattativa tante le novità introdotte da questo accordo che toccano direttamente i lavoratori. Anche agli addetti di Firenze sarà erogato il Premio di Risultato erogato in base a 5 diversi parametri. Nell'ambito della riorganizzazione della produzione l'accordo indica con chiarezza le missioni degli stessi stabilimenti, incluso quello fiorentino. Firenze inoltre entra a far parte del coordinamento sindacale nazionale del gruppo e sarà dunque presente tavoli di confronto che nei prossimi mesi, affronteranno il tema dell'annunciata fusione con Siemens Mobility. Le istituzioni territoriali saranno costantemente aggiornate e seguiranno l'evolversi dello scenario industriale affinché non vi siano impatti sul sito di Via Fanfani.

Per Daniele Collini della Segreteria Fiom Cgil Firenze, c'è soddisfazione: “Siamo contenti perché l'intesa porta a compimento quanto previsto dall'accordo di stabilimento del 2016, a partire dal Premio di Risultato e salvuaguarda la contrattazione già esistente dello stabilimento. Positivo anche l'ingresso nel coordinamento nazionale che ci permetterà di esercitare un ruolo importante nella complessa operazione di fusione tra Alstom e Siemens”.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico