Firenze 12.07.2018. - In risposta alle dichiarazioni di Fabrizio Monsani riportate oggi dal Corriere Fiorentino (vedi foto), Daniele Calosi rilascia la seguente dichiarazione:

"Al di là della discussione sul merito del Decreto Dignità che tralascio, vorrei sapere da Monsani cosa pensa del caso Bekaert. Come giustifica l'abbandono di Figline da parte della multinazionale belga? Trovo singolare che il vicepresidente di Confindustria Firenze nel citare la vertenza difenda la multinazionale e non il territorio dove 318 famiglie restano senza uno stipendio. Certo, in questi anni l'azienda ha dato un apporto economico importante al territorio, ma gli operai hanno lavorato 24 ore su 24 tutti i giorni, festività comprese, a loro non è imputabile alcuna colpa. O la dobbiamo pure ringraziare?
Il silenzio dell'associazione datoriale è assordante, sono stati tra i primi a sapere dei licenziamenti visto che la procedura è arrivata alle organizzazioni sindacali per loro tramite, eppure Confindustria continua ad organizzare convegni sul valore del territorio senza riconoscere che è il frutto delle capacità dei lavoratori".

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico