Firenze, 27/06/2013 – Oggi Si sono incontrate le Segreterie provinciali di FIM CISL, FIOM CGIL e UILM UIL con all'ordine del giorno la discussione sul sistema di relazioni industriali che caratterizza il nostro territorio, anche alla luce dell'accordo unitario sulle regole del 31 Maggio.

 "La crisi ha colpito anche sul nostro territorio", hanno dichiarato congiuntamente i tre Segretari generali Alessandro Beccastrini (FIM CISL), Daniele Calosi (FIOM CGIL) e Davide Materazzi (UILM UIL), mettendo in discussione il modello di sviluppo locale.

A Firenze, già da tempo, abbiamo un agire sindacale che prevede un sistema di relazioni industriali avanzato. L'accordo rafforza questo sistema e ne consolida ulteriormente la prassi. La definizione di regole chiare e condivise su cui basare un rapporto di equilibrio e di reciproca correttezza che da sempre ha caratterizzato il nostro territorio, nel rispetto delle diversità e all'interno di un leale confronto dialettico, è fondamentale per ulteriori passi in avanti".

Nel corso della riunione si sono affrontate anche le questioni relative alle vertenze più significative. "L'ultima riunione unitaria delle Segreterie dei sindacati metalmeccanici di Firenze per discutere delle tematiche relative al nostro territorio risale ormai a metà anni '90" - hanno detto Beccastrini, Calosi e Materazzi - "riprendere questo percorso è un cambio di passo straordinario, che può rendere ancora più incisivo il sistema di relazioni industriali presente sul territorio ed offrire una miglior tutela e rappresentanza a tutti i lavoratori delle imprese fiorentine."

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico