Firenze, 29/06/2013 - Raggiunto l'accordo per la gestione degli esuberi in Selex ES. La direzione aziendale ha accolto le richieste delle OO.SS. di ricorrere ad ammortizzatori sociali meno impattanti come i Contratti di Solidarietà difensivi, utilizzando mezzi più invasivi come la Cassa Integrazione Straordinaria, la mobilità e la Legge Fornero solo per chi vorrà usufruirne volontariamente.
In ogni caso, è stato previsto un incentivo all'esodo ed una serie di indennizzi per quei lavoratori che verranno spostati a causa della chiusura di una serie di siti produttivi.

 

L'azienda si è impegnata a proseguire il confronto con le parti sindacali, anche davanti al Ministero dello Sviluppo Economico, sugli avanzamenti che sono stati messi in programma nel Piano Industriale e sulle linee di prodotto.

Ha così commentato Alessandro Fini, della FIOM CGIL di Firenze: "le OO.SS. e i lavoratori, con le loro rappresentanze delle RSU, sono riusciti a cambiare radicalmente un piano industriale che inizialmente prevedeva solo ed esclusivamente CIG straordinaria a zero ore e mobilità. Siamo riusciti ad ottenere l'utilizzo di ammortizzatori adatti a gestire le ricadute economiche e sociali della ristrutturazione in una logica solidaristica e tesa alla salvaguardia delle competenze e delle professionalità, siamo riusciti inoltre ad avere l'impegno, all'inizio non scontato, da parte della Direzione ad un confronto più serrato sulle linee di prodotto, sulle produzioni e sulle missioni industriali dei singoli siti arrivando anche a richiedere congiuntamente un tavolo di confronto al Ministero dello Sviluppo Economico Per riuscire, così, ad operare insieme nella costruzione di un futuro per la Selex ES."

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico