04.07.2013 – Prosegue il periodo di assoluta incertezza per i 150 lavoratori della Shelbox, l'azienda produttrice di case mobili di Castelfiorentino. Dopo che si sono spente le speranze di un interesse all'acquisto da parte di imprenditori locali, all'incontro di oggi in Regione è emerso però che un soggetto industriale appena costituito mira ad accedere al mercato dei moduli abitativi con la stessa produzione.

"Parte della dirigenza della nuova società è la stessa di Shelbox, pertanto auspichiamo che possa essere interessata a rilevarne manodopera e chiediamo che Regione e Curatore Fallimentare richiedano un incontro con tale soggetto affinché ci presenti il piano industriale e la possibilità di riassorbire le eccedenze della stessa” sostiene il Segretario della Fiom-Cgil fiorentina Daniele Calosi.

All'incontro erano presenti anche la Rsu ed il Consulente del Lavoro di Shelbox, Luciano Malavolti, il Curatore fallimentare Dott. Mario Marchini, Livia Marinetto e Rosa Dello Sbarba per la Regione, la Dott.ssa Carmen Toscano della Provincia ed il Sindaco di Castelfiorentino, Giovanni Occhipinti, che auspica la permanenza dell'attività in Valdelsa.

L'incontro si è concluso con l'impegno da parte della Regione di contattare un referente della nuova società in tempi brevissimi.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico