In riferimento al comunicato della R.S.U. in data 18 Luglio 2013 ove si riportava la decisione Aziendale della creazione dell’Head Quarter di Oil&Gas a Londra e dove, sempre la R.S.U., si impegnava a contattare la Regione Toscana in quanto coinvolta su una serie di progetti, riportiamo sottostante la risposta di Paolo Tedeschi in nome e per conto del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

Cara RSU,

in risposta al presente comunicato ed al precedente del 18 luglio scorso (quest'ultimo successivo all'annuncio della creazione di un headquarter globale a Londra), sono a confermarvi che anche il Presidente Rossi, prima di procedere alla firma del protocollo per il laboratorio di Sesta ed agli annunci sui nuovi investimenti del Nuovo Pignone, ha chiesto e ricevuto rassicurazioni dal Presidente Messeri. Il percorso di espansione delle attività di Ge Oil&Gas in Toscana è confermato e troverà ulteriore sostegno sia da quanto annunciato ieri presso la presidenza della Regione Toscana, sia dal supporto ad ulteriori progettualità (es. progetto Atena presentato al bando unico regionale 2012 per la ricerca).


Negli ultimi tre anni la Regione si è impegnata per supportare l’espansione delle attività di Nuovo Pignone, a partire dalla piattaforma logistica di Avenza (in collaborazione con gli enti locali), ai laboratori congiunti con le Università toscane, all’apertura dei bandi regionali per la ricerca anche ai progetti delle multinazionali in partnership con organismi di ricerca e PMI (con varie e legittime soddisfazioni per Ge).

In futuro lavoreremo per completare il radicamento territoriale di Ge Oil&Gas, così come  altre opportunità iniziano ad intravvedersi nel campo della formazione tecnica.

Con l'augurio di un buon lavoro a tutti i lavoratori del Nuovo Pignone, cordiali saluti,
Paolo Tedeschi

 

La Segreteria R.S.U. del Nuovo Pignone

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico