Sesto Fiorentino, 25/10/2013.- Riprende lo stato di agitazione dei lavoratori delle meccanizzazioni postali di Sesto. Durante un incontro di ieri a livello nazionale tra organizzazioni sindacali, Selex ES e l'azienda Ph, quest'ultima ha ritrattato le assicurazioni verbali date in precedenza al tavolo di trattativa,  ora dice  di essere disposta a riassumere non più il numero di lavoratori per cui si era impegnata.

 

Questa la reazione di Daniele Collini (FIOM CGIL Firenze): "la notizia ha riaperto la mobilitazione dei lavoratori che hanno riattivato un presidio permanente davanti al centro di smistamento postale di Sesto Fiorentino. Chiediamo all'azienda di riassumere tutti lavoratori ed affrontare la ripresa produttiva con un Contratto di Solidarietà espansivo in modo da rendere possibile la riassunzione nel tempo di tutti i lavoratori. Poste Italiane, l'ente appaltante, non può pensare da una parte di salvare Alitalia  e dall'altra  si scaricare i costi degli appalti.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico