Firenze, 20.05.2015 - E' partito ieri il nuovo anno di Contratto di Solidarietà per la Rescar di Figline Valdarno, azienda che opera nell'allestimento e nella ristrutturazione di veicoli industriali e di automarket, per varie tipologie di attività.

Dopo il confronto in azienda ai primi del mese, ieri presso la Città Metropolitana, alla presenza della Dott.ssa Toscano e del Dott. Bertelli per Confimi, si è tenuto l'incontro istituzionale che ha visto la firma di un ulteriore anno del Contratto di Solidarietà.

"Non era scontato arrivare al rinnovo" ha precisato Paolo Mugnai della Fiom Cgil di Firenze che prosegue: "l'azienda soffre da tempo la crisi che ha causato il calo di ordinativi e la perdita di oltre il 30% di fatturato. Era determinata quindi nel procedere al licenziamento di 6 persone su un totale di 20 dipendenti. Come Fiom non avremmo mai firmato quei licenziamenti perciò con il buonsenso siamo riusciti a far capire alla dirigenza che non vi era la necessità, ad oggi, di ridurre il numero di dipendenti ma che invece era opportuno fruire della possibilità di un ulteriore anno di ammortizzatore, salvaguardando le maestranze altamente qualificate che stanno alla base della struttura aziendale."

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico