Scarperia e San Piero, 28.05.2015 – Disponibilità ad un ulteriore ricorso alla cassa integrazione come all'apertura di una nuova procedura di mobilità incentivata e su base volontaria: questo quanto riportato dalla Fiom e dalla Rsu della Rosss, al tavolo in Confindustria tenutosi lo scorso mercoledì 27 maggio e ribadito oggi dall'assemblea dei lavoratori.

L'incontro in Confindustria era stato convocato a seguito di una procedura di mobilità per nove persone aperta dall'azienda il 18 maggio e motivata dal sussistere della crisi di mercato. 

Non comprendiamo perchè la dirigenza ritenga necessario ed urgente procedere alla riduzione del numero dei dipendenti poiché ha ancora a disposizione strumenti alternativi, utili a gestire l'attività senza ridurre il personale, e ad agosto rimaturerà il diritto ad accedere a tutti gli ammortizzatori sociali” ha commentato Yuri Vigiani della Fiom Cgil di Firenze. 

“Detto ciò – ha precisato il Segretario Generale della Fiom Daniele Calosi – siamo disponibili a firmare una mobilità che abbia le stesse caratteristiche di quella aperta in accordo nel novembre scorso.

Questo è il mandato confermato dall'odierna assemblea dei lavoratori che porteremo al tavolo convocato nuovamente per giovedì 11 giugno. Nel frattempo ci riserviamo di indire iniziative di sciopero.”

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico