Firenze, 10.12.2015 – E' stata raggiunta stanotte, dopo quasi 12 ore di trattativa presso la sede regionale di Confindustria, un'ipotesi di accordo per la gestione degli esuberi annunciati dalla Bekaert, la multinazionale belga che ha rilevato la ex Pirelli di Figline e Incisa Valdarno.

L'ipotesi siglata dall'azienda assistita da Confindustria Firenze e dalle organizzazioni sindacali Fim, Fiom e Uilm, prevede 6 milioni e mezzo di euro di investimenti per lo stabilimento valdarnese ed un piano industriale per il biennio 2016/2017 orientato alla salvaguardia ed allo sviluppo del sito produttivo.

L'ipotesi prevede inoltre che la gestione dei problemi occupazionali sia affrontata senza che nessun lavoratore venga lasciato per strada, utilizzando tutte le possibili soluzioni utili a ridurre l'impatto sociale.

Per i Segretari Generali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil Firenze, Alessandro Beccastrini, Daniele Calosi e Davide Materazzi “la parola passa ora ai 375 lavoratori che dopo le assemblee che si terranno nei giorni di martedì 15 e mercoledì 16 dicembre, saranno chiamati ad esprimersi sull'ipotesi di accordo con voto vincolante”.

Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil Firenze

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 

 

 

 



iMec giornale metalmeccanico