Sesto Fiorentino, 10.02.2016 – I lavoratori di IBM, l’azienda leader mondiale dell’informatica che durante le feste natalizie ha ceduto 300 lavoratori a Modis, società del gruppo Adecco, hanno chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico di convocare l’azienda ed aprire un tavolo di confronto. L'azienda però continua a negare qualsiasi confronto sindacale in sede istituzionale. Da Firenze, dove operano oltre 80 operatori, la Fiom Cgil ha chiesto l'apertura di un tavolo in Regione Toscana.

Daniele Collini (Segretario di zona Fiom-Cgil Firenze) e Andrea Vignozzi (Fiom Cgil Firenze) hanno così commentato: “Si stanno rincorrendo sempre di più, voci di ulteriori tagli occupazionali per i lavoratori del gruppo IBM, presente in Toscana con la sua sede regionale di Firenze.

Durante le feste natalizie quattro di loro sono già stati ceduti a Modis. L’azienda, intanto, provvede ad annunciare in pompa magna assunzioni di giovani, a cui si controbilanciano maggiori e più importanti dichiarazioni di esuberi. Perciò, dopo lo sciopero indetto dal coordinamento nazionale delle RSU IBM ed effettuato lo scorso venerdì 5 febbraio, provvederemo a chiedere l’apertura di un tavolo anche a livello regionale, per portare a conoscenza delle istituzioni locali la condizione dei lavoratori IBM di questo territorio”.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 

 



iMec giornale metalmeccanico