Firenze, 01.04.2016 – A seguito della quarta riunione del tavolo dell'unità di crisi per la vertenza Navico Rbu Italia di Montespertoli, convocata ieri presso la Città Metropolitana, il Segretario Generale della Fiom Cgil di Firenze, Daniele Calosi, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Dopo la presentazione del piano industriale, ci aspettavamo di attivarci nella consequenziale verifica dello stesso assieme alle istituzioni e invece, come ha correttamente riportato il Consigliere delegato al Lavoro Emiliano Fossi - a seguito della inusuale decisione di azienda e Confindustria che si sono rese indisponibili ad un monitoraggio attuativo del Piano, non sarà possibile concretizzare questo punto. 

Stigmatizziamo l'atteggiamento assunto dall'associazione datoriale che riteniamo scorretto e mancante di rispetto nei confronti delle istituzioni che con attenzione seguono la vertenza; un comportamento in netto contrasto con la tradizione di buone relazioni industriali che vigono con l'associazione in questo territorio e che ci lascia a bocca aperta.

Mi domando: se lo stesso atteggiamento tenuto dall'associazione che rappresenta le imprese, lo avesse tenuto il sindacato, quale sarebbe stata la sua reazione?”

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



iMec giornale metalmeccanico