I lavoratori lo hanno approvato ieri con il 95% dei voti a favore. Collini, Fiom: “Dopo l'azzeramento, ristabiliti diritti economici e normativi.”

Firenze, 13.01.2017 – I 191 lavoratori di Alstom Firenze, la ex GE Transportation, hanno votato ieri per il referendum sull'ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto integrativo aziendale ed il 95,86% dei votanti si sono espressi a favore.

Per la Fiom il giudizio è positivo: “Partivamo da una condizione di azzeramento dei diritti in un'azienda che si era comportata come la Fiat” spiega Daniele Collini della Fiom Cgil di Firenze. “Con questo accordo ristabiliamo elementi migliorativi non solo economici, legati ad esempio alla stabilizzazione di parte del premio di risultato, ma anche normativi inerenti la malattia e soprattutto torniamo al riconoscimento delle relazioni sindacali.

L'accordo infatti assume una valenza particolare perché a seguito del passaggio dell'attività di segnalamento ferroviario da General Electric ad Alstom, la multinazionale francese aveva disdetto unilateralmente tutta la contrattazione integrativa vigente nello stabilimento da quasi trent'anni.

È stato necessario l'intervento del giudice che nel settembre scorso, accogliendo il nostro ricorso, stabilì che l'azienda doveva tornare al tavolo e avviare una trattativa su quanto disdettato.

“Ringraziamo i lavoratori per la loro determinazione ed insieme l'Amministrazione comunale fiorentina che non ha mai fatto mancare loro il suo sostegno.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico