La FIOM CGIL fiorentina rappresenta oltre 8000 iscritti ed è presente in più di 900 aziende della provincia, le più grandi tra queste sono Nuovo Pignone Baker Hugues a GE Company, Leonardo-Finmeccanica, Engineering, GKN Driveline e Laika Caravans.

  

IL SEGRETARIO

Daniele CalosiDaniele Calosi è nato a Firenze il 15 Febbraio 1969. Diplomato all'Istituto Tecnico Industriale "L. Da Vinci" di Firenze, si trasferisce a Sesto nel 1990 ed entra in Consiglio Comunale nel Giugno nelle liste del PCI. Nel 1991 inizia a lavorare presso la Nuovo Pignone e si iscrive alla FIOM CGIL. Nel 1993, anno della privatizzazione e della vendita della fabbrica a General Electric, diventa delegato sindacale. Entra in aspettativa sindacale nel 1998, quando entra a far parte dell'organizzazione. Funzionario FIOM per Firenze al 1998 al 1999, per tutto il '99 si occupa di tematiche regionali. Dal 2000 al 2006 si occupa, per la FIOM Fiorentina, della Piana.  Nel 2006 entra in segretaria come responsabile organizzativo e torna in Camera del Lavoro a Firenze fino al direttivo dell'8 Marzo 2013, quando viene eletto Segretario generale delle tute blu fiorentine. Viene riconfermato al X Congresso della FIOM CGIL di Firenze del 26 Febbraio 2014.

Camera del Lavoro di Firenze - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Segretario generale, come l'apparato politico della FIOM CGIL di Firenze, è in aspettativa sindacale non retribuita dal luogo di lavoro ai sensi della Lg. 300 del 1970.

La FIOM CGIL non percepisce alcun tipo di contributo pubblico, neppure sulle aspettative dei propri dirigenti, vive dei soli contributi volontari dei propri iscritti.  Ai sensi della Lg. 300 Art. 31 (Aspettativa dei lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali provinciali e nazionali) chi è in distacco sindacale ha diritto soltanto al mantenimento del proprio posto di lavoro, senza alcun onere aggiuntivo per l'impresa o l'ente da cui è distaccato, oppure per la collettività.

 

La Segreteria

La Segreteria, oltre al Segretario, è così composta:

  • Campofiloni Iuri - Camera del Lavoro di Sesto Fiorentino - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Galantini Massimo - Camera del Lavoro di Firenze - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Scoscini Alessandra - Camera del Lavoro di Sesto Fiorentino - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

I Funzionari 

Ammavuta Fabio - Camera del Lavoro di Sesto Fiorentino - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Angelini Stefano - Camera del Lavoro di Firenze - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Brunetti Andrea - Camera del Lavoro di Scandicci - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Collini Daniele - Camera del Lavoro di Firenze - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Garofano Maurizio - Camera del Lavoro di Empoli - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Puoti Antonio - Camera del Lavoro di San Casciano - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tarchi Sergio - Camera del Lavoro di Borgo San Lorenzo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vignozzi Andrea - Camera del Lavoro di Sesto Fiorentino - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'apparato tecnico

Ciani Azzurra - Organizzazione - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ravaglia Lorenza - Tesseramento - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ricci Alessandra - Amministrazione - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Le buste paga dei funzionari

Al fine di dare trasparente e idonea comunicazione agli iscritti e a tutti coloro che vorranno consultarle, riportiamo di seguito le buste paga dei funzionari della Fiom Cgil di Firenze. Il primo link è relativo alle buste paga di marzo 2019 e sotto quelle relative agli anni a scalare fino ad aprile 2014.

LE BUSTE PAGA DEI FUNZIONARI 2019

LE BUSTE PAGA DEI FUNZIONARI 2018

LE BUSTE PAGA DEI FUNZIONARI 2017

LE BUSTE PAGA DEI FUNZIONARI 2016

LE BUSTE PAGA DEI FUNZIONARI 2015 

LA BUSTA PAGA DEL SEGRETARIO GENERALE 2014

LA BUSTA PAGA DI STEFANO ANGELINI 2014

LA BUSTA PAGA DI YURI CAMPOFILONI 2014

LA BUSTA PAGA DI DANIELE COLLINI 2014

LA BUSTA PAGA DI CLAUDIA LAURA FERRI 2014

LA BUSTA PAGA DI ALESSANDRO FINI 2014

LA BUSTA PAGA DI MASSIMO GALANTINI 2014

LA BUSTA PAGA DI PAOLO MUGNAI 2014

LA BUSTA PAGA DI MORENO RAZZOLINI 2014

LA BUSTA PAGA DI YURI VIGIANI 2014

 

BILANCI

Ai sensi dell'articolo 24 lettera F dello Statuto della CGIL, pubblichiamo i bilanci consuntivi. Clicca sull'anno di riferimento per vedere i bilanci approvati dai direttivi della struttura FIOM Firenze.

BILANCIO 2013 approvato dal Direttivo del 17/04/2014

BILANCIO 2014 approvato dal Direttivo del 21/04/2015

BILANCIO 2015 approvato dal Direttivo del 27/04/2016

BILANCIO 2016 approvato dal Direttivo del 26/05/2017

 

IL DIRETTIVO

Clicca qui per aprire l'elenco dei membri del direttivo

LE AZIENDE RAPPRESENTATE NEL DIRETTIVO 

B&C SPEAKERS, BEKAERT, BETAMOTOR, BIOMERIEUX, CO.ME.SCA., CSO, DEDALUS, EL.EN., EMMECI, ENGINEERING, ESAOTE, FACEM OWI, GBG, GEAL, GIEFFE SISTEMI, GILARDONI, GILBARCO, GIUSTO MANETTI BATTILORO, GKN DRIVELINE, ICET INDUSTRIE, LA FORTEZZA, LA MARZOCCO, LAIKA CARAVANS, LEONARDO (EX FINMECCANICA), MAC 3, NUOVO PIGNONE - BAKER HUGUES A GE COMPANY, OCEM, OMNIA SERVICE, PESCINI, SICEP, SIRAM, TESTI, THALES ITALIA

 

LA STORIA DELLA FIOM CGIL

«L'esercizio del nostro sindacato ebbe inizio il 10 marzo del 1945». Con queste parole, il 31 marzo del 1946, si apriva il resoconto del consiglio direttivo sul primo anno di attività della FIOM di Firenze. In realtà, però, la ricomparsa della federazione risaliva almeno all'ottobre precedente e fu successiva alla ricostituzione, sulle basi unitarie sancite dal Patto di Roma, della Camera del Lavoro.

Il 10 febbraio 1945 si svolsero le prime elezioni del consiglio direttivo con la partecipazione al voto di oltre quattromila lavoratori. Pochi giorni dopo venne diramata una circolare con la quale si invitavano tutte le maestranze della categoria a procedere al più presto «alla regolare e definitiva elezione delle commissioni interne di fabbrica o del fiduciario di impresa». Nel mese di marzo infine venne aperto presso l'amministrazione postale un conto corrente autonomo rispetto a quello della Camera del Lavoro, sul quale da allo- ra in poi sarebbero stati versati i contributi sindacali dei metallurgici. Era 1'atto che sanciva formalmente, anche sul piano amministrativo, la fine della fase gestatoria e 1'inizio della vita autonoma del nuovo sindacato.

Cominciò così un anno - quello a cavallo fra il '45 e il '46 - che fu contrassegnato, com'è ovvio, da ingenti difficoltà di natura congiunturale. I disagi causati dalle operazioni belliche appena concluse, la mancanza di da- ti sulla situazione delle varie officine, la pressoché completa assenza, special- mente nelle piccole aziende, di una rete di attivisti in grado di coordinare la ripresa delle iniziative sindacali, la necessità infine di rispondere alle esigenze più disparate della popolazione (presso la Camera del Lavoro, ad esempio, fu allestito persino un centro per la distribuzione di copertoni da bicicletta) resero oltremodo faticoso il tentativo di ricostruzione di una struttura organizzativa efficiente e ben articolata.

«Dovemmo iniziare dal nulla - scrissero i membri del consiglio direttivo nella citata relazione del marzo 1946, rievocando le travagliate vicende dell'anno trascorso - e lavorare in principio con materiale preso a prestito qua e là finché lentamente riuscimmo a mettere insieme tutte quelle piccole cose necessarie a mandare avanti l'ufficio della segreteria». E soltanto attraverso l'opera assidua di questa prima leva di dirigenti, «che si suddivisero la città in zone assumendosi ognuno la cura di rintracciare gli aderenti della propria zona e di organizzare l'esazione dei contributi, fu possibile arrivare a risultati concreti». Già il primo anno di esercizio poté chiudersi con un lusinghiero utile di oltre 616 mila lire, quasi per intero dovuto alla crescita dei contributi sindacali, che fin dagli ultimi mesi del 1945 si attestarono media- mente sulle 105 mila lire mensili.

Con la partecipazione di quasi 6.000 iscritti si tennero quindi nell'aprile 1946 le elezioni del nuovo consiglio direttivo, che si conclusero con la sostituzione al vertice della segreteria di Cesare Franchi con Foscaro Cassigoli, comunista, proveniente dalle Officine Muzzi, che avrebbe ricoperto tale carica per molti anni.

La riorganizzazione della sezione fiorentina poteva dirsi ormai ultimata. Nel luglio successivo - secondo fonti sindacali che hanno trovato sostanziale conferma anche in studi recenti'-l'adesione alla FIOM aveva raggiunto nelle fabbriche cittadine livelli quasi plebiscitari: su 8207 lavoratori in forza in 45 aziende metalmeccaniche gli iscritti erano ben 7791.

Era venuto quindi il momento di procedere alla ricomposizione del tessuto organizzativo provinciale e fu in tale direzione che il consiglio direttivo concentrò i propri sforzi nella seconda metà del 1946. Quando si riunì il primo congresso della FIOM di Firenze, nel novembre di quell'anno, anche tale compito poteva dirsi praticamente assolto: la federazione provinciale era di fatto costituita. E fu con questo confortante bilancio dell'attività svolta nel biennio precedente che i delegati fiorentini si presentarono in dicembre al congresso nazionale di Torino, il primo tenuto dalla FIOM nel dopoguerra, l'ultimo unitario.

Da allora in poi, terminata la fase per così dire «costituente», la FIOM provinciale ebbe uno sviluppo in piena sintonia con quella della federazione nazionale, della quale condivise, sempre recando un contributo originale, scelte strategiche e battaglie ideali, momenti di esaltazione e brucianti sconfitte.

Particolarmente interessante fu il ruolo da essa svolto durante gli anni cinquanta: un periodo contrassegnato, come nel resto del paese, da un'azione prevalentemente difensiva sul terreno economico, mirante sia ad evitare il ridimensionamento degli organici che l'opera repressiva nei confronti dei militanti sindacali, e da una crescente conflittualità con le altre organizzazioni, la CISL e la UIL, culminata nella spaccatura sull'accordo per il conglobamento e nella contrapposizione frontale, intorno alla metà del decennio, nelle elezioni per il rinnovo delle commissioni interne di fabbrica. Un periodo tuttavia, che sul piano locale fu caratterizzato soprattutto dalle lunghe vertenze per la ristrutturazione del Pignone e della Galileo, i due grandi stabilimenti assunti a simbolo del nuovo volto industriale di Firenze. In entrambi i casi la FIOM fu in prima linea nella lotta per impedire il ridimensiona- mento o addirittura la messa in liquidazione delle aziende. E non è privo di significato che nelle elezioni per la commissione interna del 1955 la Galileo fu l'unico stabilimento italiano in cui questa organizzazione riuscì a conservare la maggioranza.

Nondimeno al termine di questa fase, nel quadro di un generale abbassamento del tasso di sindacalizzazione rispetto all'immediato dopoguerra, anche la FIOM vide drasticamente ridursi il peso dei propri iscritti. Nel 1961 nell'ambito globale dei tesserati alla CGIL toscana i metalmeccanici, che dieci anni prima occupavano il secondo posto dietro gli edili, si videro scavalcati anche dai lavoratori dell'abbigliamento. Nella provincia di Firenze la federazione subì un calo che, se non ebbe le dimensioni di quello livornese, fu però piuttosto ragguardevole e rivela chiaramente le difficoltà da essa incontrate in quel periodo.

Gli anni sessanta si aprirono quindi all'insegna di un tentativo di recupero delle posizioni perdute, che favorisse al tempo stesso l'instaurazione di un clima più disteso nei rapporti con le organizzazioni della CISL e della UIL. Furono anni contraddistinti da una forte ripresa della conflittualità, che soprattutto nel settore metalmeccanico raggiunse punte molto elevate. Il successo riportato fra la fine del '62 e l'inizio del '63 nella vertenza per il rinnovo contrattuale pose comunque le premesse per una rapida ripresa della FIOM e con essa delle altre federazioni di categoria, la FIM e la UILM, che negli anni successivi si sarebbero poi collocate alla testa del movimento per la costituzione del sindacato unitario. Nel 1972, com'è noto, dopo le alterne vicissitudini del '68 e dell'autunno caldo, con le profonde trasformazioni che esse introdussero nel milieu sindacale italiano, questa spinta verso l'unificazione si sarebbe finalmente tradotta in realtà.

Il testo de "La nostra storia" è distribuito sotto licenza Creative Commons 3.0 Attribuzione-Condividi allo stesso modo

 

 



iMec giornale metalmeccanico