Firenze, 22.12.2014 - Durante l'ultimo incontro tenutosi al tavolo dell'Unità di crisi presso la Provincia, la proprietà della Teckna Impianti, azienda di Campi Bisenzio con 35 addetti, ha richiesto ai lavoratori l'impegno a riprendere l'attività lavorativa da lunedì 22 dicembre per garantire il servizio per le commesse in essere, per il recupero di commesse in parte perse e per la ricerca di nuovi clienti. 

I lavoratori, come già in passato, si sono resi disponibili ad adoperarsi al fine di salvaguardare l'azienda e la sua attività aspettando che l'azienda al tempo stesso rispetti gli impegni presi con le istituzioni in merito al piano di rientro dei 5 stipendi arretrati, a partire dalla prima scadenza il 5 gennaio 2015 arrivando al saldo di tutte le spettanze sospese entro il 28 febbraio.

Stefano Angelini della Segreteria della Fiom-Cgil Firenze commenta: “Sottolineiamo il fatto che i lavoratori e le loro famiglie dopo svariati mesi che non percepiscono retribuzione sono in sofferenza dal punto di vista economico e sarebbe drammatico un ulteriore slittamento del pagamento degli stipendi. Chiediamo pertanto alla proprietà il rispetto degli impegni presi.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



collettiva.it è la nuova piattaforma della CGIL