Firenze, 05/06/2013 - “Rimaniamo sbigottiti alla notizia degli scontri avvenuti questa mattina a Terni.

Usare violenza contro i lavoratori che scioperano per difendere le acciaierie ed il proprio posto di lavoro è un ulteriore segno del declino democratico e delle forti tensioni sociali che questo paese sta vivendo” afferma Daniele Calosi, Segretario Generale della FIOM/Cgil di Firenze, esprimendo solidarietà. “Condanniamo questo grave ed incomprensibile episodio: le legittime proteste dei lavoratori e delle lavoratrici andrebbero ascoltate anziché represse”.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico