Firenze, 27.09.2019 - La Fiom ha aderito alla settimana di mobilitazione lanciata dal movimento «Fridays for future». Nel giorno del 3° sciopero globale per il clima, venerdì 27 settembre, la Fiom di Firenze ha riunito il coordinamento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza che hanno ribadito nella seguente nota alcune delle ragioni per cui hanno sostenuto la manifestazione. "Non c'è più tempo per pensare... Bisogna agire!"

Il grave stato di salute del nostro pianeta necessita di un cambio radicale nelle scelte politiche internazionali attraverso un combinato disposto tra la lotta all'illegalità nella gestione dei rifiuti dannosi di ogni genere, fino ad una riformulazione delle linee guida sulle emissioni.

Questa situazione, visti i forti cambiamenti climatici che hanno generato negli ultimi anni molti disastri ambientali, se trascurata, sarà solo l'inizio di una vera catastrofe globale.

Il ruolo delle lavoratrici e dei lavoratori negli anni è sempre più fondamentale. Non a caso il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e l'Ambientale (RLSA) nasce allo scopo di vigilare anche sugli aspetti degli impatti e della tutela ambientale. Perchè la salute dell'ambiente è strettamente collegata a quella delle persone.

Dai dati del rapporto ''SIN'' 2019 dell'Inail, relativamente alla Regione Toscana, emerge che le malattie da esposizione professionale quali mesoteliomi, tumori, problemi alle vie respiratorie etc., portano purtroppo a numerosi decessi di persone che condividono semplicemente l'area di residenza, quindi i decessi avvengono anche in assenza di una correlazione diretta con certe attività lavorative. La causa maggiore è l'inalazione di sostanze tossiche, nocive e cancerogene che si rivelano dannose per l'uomo ma anche per tutto l'ecosistema e per l'ambiente.

Il costante aumento della temperatura ha un impatto devastante sulle persone, lo dimostra il fatto che negli ultimi anni è cresciuto anche il numero dei ''colpi di calore''.

Per noi la salute insieme alla sicurezza sono le priorità! Lo gridiamo anche nella piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici dove ribadiamo che riteniamo indispensabile essere più informati sulle sostanze utilizzate nei luoghi di lavoro, sulle emissioni, sul trattamento dei rifiuti, pretendendo processi produtivi sostenibili e compatibili con l'ambiente che ci circonda.

Per questi e per molti altri motivi, in futuro come da sempre, continueremo a lottare in questa direzione, associandoci alle cause del movimento Fridays for future!!!

 

COORDINAMENTO RLS FIOM-CGIL FIRENZE

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 



iMec giornale metalmeccanico