Ho visto le ultime note del Governo in merito al Coronavirus e alla scelta di chiudere tutte le attività commerciali ad eccezione di quelle di prima necessità.

Ho visto anche la scelta di tenere aperte le fabbriche. Il decreto è chiaro: si va a lavorare purché si rispetti le condizioni di sicurezza stabilite dal decreto stesso. Le condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro sono in carico al Datore di lavoro, questo da sempre, fin da prima del Coronavirus.

Giorni fa, un importante imprenditore fiorentino, dalle pagine di un giornale locale, analizzando gli effetti del “Coronavirus”, parlava di approccio tafazziano e sosteneva: “chi sopravvivrà se le realtà produttive non partecipano alle fiere, se i contatti anche con zone solo sfiorate dal Coronavirus sono negati?”.

Rimango senza parole leggendo queste dichiarazioni, come se gli effetti di una pandemia globale potessero risolversi, ora, con qualche fiera. Forse sarebbe opportuno, in questo momento, utilizzare proprio quegli spazi fieristici espositivi, attrezzandoli come ospedali di emergenza. Di questo abbiamo bisogno adesso.

E' assolutamente necessario, prima di tutto, mettere i lavoratori nelle condizioni di sicurezza per affrontare il Coronavirus. Alcuni imprenditori fiorentini e la Confindustria devono smetterla nascondersi in questo momento della storia: mettano i lavoratori nelle condizioni di lavorare, fornendogli i Dispositivi di Protezione Individuale, garantendo loro il rispetto delle distanze di sicurezza, secondo quanto prevede il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Qualora ciò non fosse possibile, non è accettabile che a pagare siano i lavoratori: in attesa degli ammortizzatori sociali le imprese garantiscano la tutela del salario. La salute di chi lavora prima di tutto. Se questo non sarà possibile la FIOM di Firenze interverrà come ha sempre fatto, non da ora, ma da quando esiste il Sindacato.
Sono i lavoratori che non possono permettersi il tafazzismo imposto da altri.

Daniele Calosi Segretario Generale FIOM-CGIL Firenze.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



collettiva.it è la nuova piattaforma della CGIL