Firenze, 16 giugno 2020- Dal 16 al 18 giugno 1901, presso la sede della Fratellanza Artigiana di Livorno, si tenne il congresso costitutivo della Federazione Italiana Operai Metallurgici. Al congresso parteciparono circa 40 Leghe sulle 80 facenti parte del Comitato Centrale di Propaganda (sorto nel 1898 insieme al giornale Il Metallurgico e, fino a quel momento, unica struttura sovra territoriale esistente) per un totale di 18.470 iscritti.

Fu eletto Segretario generale Ernesto Verzi, operaio di 29 anni, nato a Firenze ma residente a Roma dove svolgeva l’attività di incisore di metalli. In quell’occasione fu approvato anche lo Statuto della Federazione e furono istituiti un Comitato Centrale composto da 7 membri e una Commissione di Controllo.

Le relazioni al congresso furono 9. Dopo il discorso inaugurale dell’On. Cabrini in rappresentanza del Partito Socialista, ci fu la relazione di Verzi che si concentrò sulla crescita organizzativa del movimento. Oggetto di dibattito furono anche le relazioni del milanese Petrali su salari e Cassa nazionale di Previdenza, quella del ternano Fusacchia sul lavoro delle donne e dei fanciulli, quella dell’operaio Mariani sugli orari di lavoro. Le conclusioni furono affidate allo stesso Verzi, neo eletto Segretario della Federazione.

Il ritaglio di giornale qui riportato è dell'edizione nazionale de "L'Avanti" del 17 giugno 1901.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 



collettiva.it è la nuova piattaforma della CGIL