Firenze, 22.07.2020 - Si è tenuto ieri in Regione Toscana un incontro circa la situazione e le prospettive del sito di Leonardo a Campi Bisenzio, alla presenza della RSU e delle organizzazioni sindacali.

Si è tenuto ieri in Regione Toscana un incontro circa la situazione e le prospettive del sito di Leonardo a Campi Bisenzio, alla presenza della RSU e delle organizzazioni sindacali.

“Come Fiom Cgil di Firenze – spiega Stefano Angelini – abbiamo ribadito alla Regione che a nostro avviso è necessario mantenere un confronto serrato tra rappresentanti dei lavoratori e le istituzioni sulle diverse attività svolte nello stabilimento. Non da oggi lamentiamo che a fronte delle nostre richieste di informazioni su investimenti, prodotti, carichi e occupazione, riceviamo dall’azienda indicazioni solo generiche, non sufficienti. Inoltre sono vari i settori che soffrono la carenza di organico e necessitano di risorse per garantire l’innovazione tecnologica e mantenere viva la capacità ingegneristica e produttiva delle linee prodotto costituite non solo dallo spazio ma anche dalla radaristica, l’optronica e la cyber security. Se la Regione non è in grado di fornirci indicazioni sui risultati e sulle ricadute sul territorio a fronte dei finanziamenti pubblici percepiti da Leonardo negli ultimi anni, è il caso di attivarsi con il Ministero dello Sviluppo Economico per capire quale sia il piano industriale per Campi Bisenzio ed avere maggiori certezze”.

Il Segretario Generale Daniele Calosi avverte: “Non siamo disponibili a prestare il fianco per spot elettorali. Ai lavoratori servono risposte concrete e dettagliate per continuare a fare dello stabilimento un’eccellenza, anche dopo il 21 settembre.”

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

 



collettiva.it è la nuova piattaforma della CGIL